Sogni di fine febbraio a Monfalcone
4. Espressioni

Sogni di fine febbraio a Monfalcone

Domenica pomeriggio verso le tre, alla ricerca dell’angolazione giusta per fotografare le grandi gru dei cantieri navali della Fincantieri mi trovo lungo un sentiero polveroso di una Monfalcone assonnata. Toc- toc-toc: un suono che mi è familiare, ma che non sento da anni, attira la mia attenzione, e mi indirizzo verso delle urla di incoraggiamento … Continua a leggere

La Siria dei giovani – seconda parte
1. Le parole sono importanti!

La Siria dei giovani – seconda parte

  Nel precedente post  ho concluso con: “ inizia la rivoluzione siriana”. Vorrei iniziare correggendomi o meglio specificando il termine rivoluzione. Per rivoluzione si intende scardinamento e sostituzione di un sistema con uno nuovo. In questa fase sia in Siria che negli altri paesi aravi che vivono la cosiddetta Primavera Araba, a mio parere, non si … Continua a leggere

Un biancore che acceca. Intervista a Mauro Valeri
3. Specchio

Un biancore che acceca. Intervista a Mauro Valeri

Un contributo per la Stanza degli ospiti di Giusy Muzzopappa “There Ain’t No Black in the Union Jack”, cantavano alcune tifoserie inglesi negli anni ’70 e ’80. Uno slogan che, come ci racconta il critico culturale anglo-caraibico Paul Gilroy nell’omonimo libro, condensava il corto circuito su cui si imperniava il disagio postcoloniale britannico scaturito dalla … Continua a leggere

Cittadinanza italiana: un cammino lungo ventuno anni
4. Espressioni

Cittadinanza italiana: un cammino lungo ventuno anni

“Free at last! Free at last!”. Sono le ultime parole del famoso e commovente discorso di Martin Luther King “I have a dream” e sono le prime parole che mi piacerebbe pronunciare nell’attimo della mia rinascita “alla libertà”, la mia Festa dell’Indipendenza dal dominio coloniale dei Permessi di soggiorno, la giornata della Liberazione dalla precarietà … Continua a leggere

1. Le parole sono importanti!

L’immigrazione fra carta stampata e nuovi blog

Quel che pensiamo dell’immigrazione e degli immigrati va di pari passo con quel che i giornali scrivono di questi argomenti. Spesso e volentieri questa scrittura si è distinta ( e ancora si contraddistingue) per approssimazioni grossolane e, quando in male fede, faziosità che finiscono per criminalizzare, a seconda dei fatti di cronaca, ciclicamente, questa o … Continua a leggere

E se serve legittimare anche ciò che è legittimo… il velo in tribunale.
1. Le parole sono importanti!

E se serve legittimare anche ciò che è legittimo… il velo in tribunale.

Lo scorso 14 ottobre, durante un’udienza, il presidente del collegio di Torino, Casalbore, di fronte ad una interprete musulmana (nominata dal pm) che indossava il Hijab (velo che copre la testa e lascia scoperto il volto delle donne rendendole riconoscibili) ha invitato la stessa a togliersi il velo in quanto in contrasto con l’obbligo di … Continua a leggere

1. Le parole sono importanti!

‘Senigallia Cricket Academy’

Provengono dal Pakistan, dallo Sri Lanka, dal Bangladesh; sono in tutto una quarantina, sono giovani ed hanno una passione in comune: il cricket. Mahmud Selim Siam mi spiega che è uno sport simile al baseball. Io annuisco ma delle regole del gioco non è che me ne importi granché. Sono interessato, piuttosto, all’aspetto socio antropologico … Continua a leggere

La Siria dei giovani
1. Le parole sono importanti!

La Siria dei giovani

La Siria dei giovani – prima parte Solitamente, quando avvengono delle tragedie, si inizia scrivendo “come ben sapete” perché sia assume che la questione trattata sia nota. Per quanto riguarda il caso siriano inizierò col dire “come ben non sapete”.  Attorno agli avvenimenti che attanagliano lo stato mediorientale da un anno, e sottolineo un anno, … Continua a leggere

Sfidare la narrativa dall’esilio: Un giovane siriano al Cairo
3. Specchio

Sfidare la narrativa dall’esilio: Un giovane siriano al Cairo

La stanza nella quale lavorano è scarsamente ammobiliata: dei computer e sei schermi appesi al muro, sempre accesi, qualche bric di succo di frutta per tenere l’energia alta. Nient’altro. Nel suo ‘centro operativo’ del Cairo un gruppo di attivisti siriani sta cercando di tenere alta l’ attenzione sulla situazione in Siria, trovare donatori, mandare attrezzature … Continua a leggere

Mughal-e-Azam e le “storie” particolari
2. Memorando

Mughal-e-Azam e le “storie” particolari

Mughal-e-Azam – Wikipedia, the free encyclopedia Che gran bel film! Che storia! Che scenografia! A confronto, la Bollywood di oggi, con tutti i suoi mezzi economici e tecnici produce orribili pellicole! Qualche giorno fa era stato trasmesso in un canale satellitare…pakistano. Niente di strano? Si, niente di strano. I film di Bollywood trovano un vasto seguito anche dai nostri … Continua a leggere