1. Le parole sono importanti!

Letteratura migrante su Saturno

Saturno

Di solito i giornali danno grande risalto agli immigrati, ma mai nelle pagine culturali. Qualche volta però è successo che qualche scrittore migrante ci sia finito. Magari non ce ne siamo accorti ma è successo. Per accorgersene bisognava andare a spulciare fra i trafiletti secondari, negli spazi angusti dove si confinano le “errata corrige”, più o meno nei dipressi del necrologio dedicato all’illustrissimo filologo molto noto fra gli addetti ai lavori e assai compianto da parenti, colleghi e pochi altri.
Succede invece, in questi giorni, che gli amici di Saturno – inserto culturale del Fatto Quotidiano – stiano riservando molto spazio proprio agli scrittori migranti ed alla scrittura migrante, dando parola a chiunque voglia dire la sua su questi due argomenti. Sin ora si son spesi sull’argomento scrittori del calibro di Igiaba Scego, Adrian Bravi, Milton Fernandez, Karim Metref e persino il sottoscritto. Ma non si sono tirati indietro nemmeno studiosi della materia come Daniela Brogi. A dare il via a questa nutrita sequela di interventi ( ancora non esauritasi) è stata Daniela Padoan per tramite di un suo allertato articolo che individuava nel “razzismo letterario” la diagnosi del perché il successo tardi ancora ad arridere agli autori migranti. Con una simile diagnosi la prognosi non poteva che essere riservata. Vista la gravità della situazione molti si son sentiti in dovere di precipitarsi al capezzale della moribonda letteratura migrante: chi con una parola di conforto, chi con un consiglio disinteressato, chi è causa del suo male pianga se stesso, e chi come sempre avviene in simili tragedie solo per morbosità, altri ancora per manifesta necrofolia ed infine l’inevitabile codazzo dei semplici curiosi.
Rischio, ad insistere oltre con la metafora del moribondo scrittore migrante, di apparire ingrato agli amici di Saturno che stanno dedicando così tanto spazio a noi scrittori e scribacchini migranti. Per evitare equivoci vorrei esprimere in modo chiaro la riconoscenza per la insolita visibilità regalataci. Se vi è traccia di sarcasmo o ironia nelle mie parole lo si ascriva pure all’abbondanza di pareri che stanno seguendo l’articolo di Daniela Padoan. Mai avrei pensato che un tema letterario di nicchia come la scrittura migrante potesse un giorno battersela ad armi pari con news ben più allettanti come “il comandante Schettino” o “l’emergenza neve”.
Se siete cultori della materia non perdetevi dunque questa occasione: recatevi fiduciosi sulle pagine online di Saturno e non ve ne pentirete.
Personalmente ho trovato singolare la polemica sull’appellativo “scrittore migrante”. Sarei propenso a fare mie le ragioni di tale polemica se solo si spostasse l’asse della polemica sulla dicitura “scrittori”, con cui in effetti vengono tacciati parecchi migranti. La categoria è già di per sè parecchio inflazionata, vediamo di non peggiorare la situazione.

Fonte: Stracomunitari

Advertisements

3 thoughts on “Letteratura migrante su Saturno

  1. @Milton

    per fortuna questo collettivo è assai variegato, non solo scrittori ma anche blogger e altri profili variamente assortiti. in ogni caso se qualcuno è così magnanime da includermi fra gli scrittori migranti io non avrei niente di cui dolermi. anzi, tutt’altro. anche se, più realisticamente, vista l’alta considerazione che ho degli “scrittori”, trovo più calzante “definirmi” blogger.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...