I pensieri del cammello

L’Aquila oggi, ieri i campi profughi

Campo profughi - cm.35×50, 1980, Sergio Michilini

In guerra come nei terremoti. Terribile, fuori casa e correre di fretta, dove, non importa, tanto non c’è più nessun posto sicuro e tranquillo al di fuori delle quattro mura che si stanno scrollando di dosso i ricordi. Odore di paura, di pipì e di pane, nei rifugi come nelle tende; sei spogliato dalla tua intimità. Qualcuno prega, qualcun altro piange e quelli più duri a maledire la sorte, i governanti o tutti e due.

Signori, state calmi e pensate ai bambini. Cazzo, non fanno altro che chiedere: “A quando il ritorno?”. Presto, presto… Questo “presto” che non convince del tutto. C’è gente che aspetta nelle tende da molti anni e nel frattempo le stagioni scorrono amare, cambiano i governanti e non sai più chi insultare. Il massimo del disorientamento.

Advertisements

One thought on “L’Aquila oggi, ieri i campi profughi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...