3. Specchio

dal libro TERRA ALTRUI (Samuele Editore)

Una volta sapevo cantare.
Il vecchio pope sempre arrabbiato,
si è commosso mettendomi nella mano
un suo fazzoletto bianco, benedetto.

L’ho tenuto per anni e alla fine, un giorno
l’ho perso. La chiesa diventò una discoteca
e io smisi di cantare. Ma ho imparato
a scappare. Più lontano da me stessa.

Annunci

2 thoughts on “dal libro TERRA ALTRUI (Samuele Editore)

  1. La fuga tal volta è necessaria e quando si tratta di prendere la distanza da se stessi credo sia utile. E’ una modalità faticosa di decentramento..!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...