1. Le parole sono importanti!

Un point de vue: sulla politica, l’immigrazione, la cultura…

Di Cléophas Adrien Dioma Non sono del PD anche se ho dentro quel partito tanti amici, tanta gente che stimo molto. Molti di loro sono nuovi italiani (Khalid Chaouki, Touadi, Cecile Kyenge). Se sono dentro il PD ci sarà una ragione…. Ma faccio fatica ad essere del PD quando vedo quelli di Parma. Fermi. Inattivi. … Continua a leggere

Adieu le métèque: Omaggio a Moustaki
5. Letture d'altrove

Adieu le métèque: Omaggio a Moustaki

In questi giorni è morto George Moustaki. Scrittore, poeta, paroliere e cantautore, Moustaki aveva segnato varie generazioni di ascoltatori in tutto il mondo francofono, ma anche in Italia e oltre. Muore a 79, rimanendo nella memoria collettiva per una serie di canzoni, tra le quali, la più famosa, Le métèque (Lo straniero, in Italiano). George, … Continua a leggere

Grillo, la casta e il razzismo
1. Le parole sono importanti!

Grillo, la casta e il razzismo

di Julio Monteiro Martins Qualcuno mi domanda se le esternazioni “un po’ razziste, un po’ di destra” come ha scritto Grillo sul suo blog sulle proprie posizioni, sarebbero di una tale gravità da screditare e cancellare il suo discorso su altri argomenti, sulla casta, sul costo della politica, eccetera, eccetera. Io penso di sì, e … Continua a leggere

“L’arco e la farfalla” o l’individuale e il collettivo nell’esperienza di M. Al Achaari.
5. Letture d'altrove

“L’arco e la farfalla” o l’individuale e il collettivo nell’esperienza di M. Al Achaari.

Si deve  riconoscere a Mohammed Al Achaari, scrittore, poeta e politico marocchino, almeno un merito. Quello di essere stato, fino ad ora, l’unico  marocchino a vincere il più importante premio letterario nel mondo arabo: l’Arabic Booker *. E pazienza se si è trattato di una vittoria condivisa con la scrittrice saudita Rajaa Alem**. La premiazione di Al … Continua a leggere

Introduzione al mondo. 8: Prostituzione per saltare le staccionate
I venerdì di Idolo

Introduzione al mondo. 8: Prostituzione per saltare le staccionate

I venerdì di Idolo Per otto venerdì (Il 1 e il 3° del mese, dal 1° Febbraio al 3 maggio 2013) otto estratti dal libro di Idolo Hoxhvogli, Introduzione al mondo (Scepsi & Mattana Edizioni). ————————————- Estratto VIII°: Prostituzione per saltare le staccionate La prostituzione è il fondamento del matrimonio, quindi della famiglia, in quanto … Continua a leggere

1. Le parole sono importanti!

Una repubblica fondata sul plasma

Confesso di non essere stato entusiasta alla notizia  che una donna come Cecile Kienge entrasse a far parte dell’attuale governo italiano. Non perché non lo meritasse, ma perché legare il proprio nome (e la propria storia) a un’accozzaglia del genere è roba che farebbe perdere dei punti perfino al Mahatma Gandhi. Credo, inoltre, che quel … Continua a leggere

Esercizio d’ammirazione
2. Memorando

Esercizio d’ammirazione

Ci sono tanti modi per manifestare la propria ammirazione nei confronti di un artista, in generale, o di uno scrittore, in particolare. E forse la forma più alta è emularlo, “copiarlo”. Avvisandolo, però, e dichiarandolo! Mi cimenterò ora in un esercizio di ammirazione.  E porterò, dunque, un omaggio a un’eccelsa penna della letteratura italiana (e … Continua a leggere

I venerdì di Wiliam

Les vendredi à Bordeaux. 5

Poesia in Portoghese e italiano di William Farnesi contraponto.                          .o amor paradoem um diqueprecisa de um contratempo o vale então saberá ser contraponto cachoeira navio lua e neve. …………………………….. a lua e a neve juntas me levam bem longe daqui contrappunto.                      . l’amore fermoin una digaha bisognodi un contrattempo la valle allora saprà essere contrappunto … Continua a leggere

La Cultura Amazigh o quando la storia esce dall’ombra.
5. Letture d'altrove

La Cultura Amazigh o quando la storia esce dall’ombra.

Avant-propos: Nelle ultime settimane mi sono disinnamorato dell’Italia e dell’Italiano. Il primo disinnamoramento per me è molto comprensibile ed è anche meno grave. Chi come me ha immigrato in Italia non per necessità economica né per disperazione o ribellione, ma per un sincero desiderio di incontrare l’altro, di sentire la sua Storia e di raccontargli … Continua a leggere

Festival della Letteratura di Milano – Seconda edizione – dal 5 al 9 Giugno (Chi ce l’ha fatto fare?)
1. Le parole sono importanti!

Festival della Letteratura di Milano – Seconda edizione – dal 5 al 9 Giugno (Chi ce l’ha fatto fare?)

Una delle cose più noiose continua ad essere quella di dover raccontare il perché. Che ci viene chiesto ancora, nonostante un’edizione già passata (novanta eventi di notevole qualità, quaranta luoghi diversi della città, quattrocento volontari, circa quattromila presenze nell’arco di cinque giorni, ecc ecc). Nonostante una volontà di partecipazione che da allora non ha fatto … Continua a leggere