Io lavoro all’Isola dei fiori
1. Le parole sono importanti!

Io lavoro all’Isola dei fiori

Una cinquantina di lettere di motivazione e curriculum inviati, in inglese ed in francese. Una cinquantina soltanto da quando hai iniziato a conteggiarli, classificarli, archiviarli. Le risposte ricevute si contano sulle dita di una mano. Ovviamente tutte negative, e per la maggior risposte standardizzate, Risposte standardizzate per candidature standardizzate inviate da persone standardizzate. Continua a leggere

Annunci
La Repubblica degli immigrati caduti sul lavoro
1. Le parole sono importanti!

La Repubblica degli immigrati caduti sul lavoro

C’erano un indiano, un marocchino e un italiano. L’italiano era un ingegnere, che doveva verificare se il capannone della fabbrica era agibile dopo i danni provocati dal sisma del 20 maggio, il marocchino e l’indiano erano operai dello stabilimento venuti per assisterlo nella ricognizione. Fin qui e ciò che resta è solo una brutta barzelletta. … Continua a leggere

Shock Politik
1. Le parole sono importanti!

Shock Politik

«Winston, come fa un uomo a esercitare il potere su un altro uomo?». Winston rifletté. «Facendolo soffrire» rispose. «Bravo, facendolo soffrire. Non è sufficiente che ci obbedisca. Se non soffre, come facciamo a essere certi che non obbedisca alla nostra volontà ma alla sua? Potere vuol dire infliggere dolore e umiliazione. Potere vuol dire ridurre … Continua a leggere

Cittadinanza italiana: un cammino lungo ventuno anni
4. Espressioni

Cittadinanza italiana: un cammino lungo ventuno anni

“Free at last! Free at last!”. Sono le ultime parole del famoso e commovente discorso di Martin Luther King “I have a dream” e sono le prime parole che mi piacerebbe pronunciare nell’attimo della mia rinascita “alla libertà”, la mia Festa dell’Indipendenza dal dominio coloniale dei Permessi di soggiorno, la giornata della Liberazione dalla precarietà … Continua a leggere

Mughal-e-Azam e le “storie” particolari
2. Memorando

Mughal-e-Azam e le “storie” particolari

Mughal-e-Azam – Wikipedia, the free encyclopedia Che gran bel film! Che storia! Che scenografia! A confronto, la Bollywood di oggi, con tutti i suoi mezzi economici e tecnici produce orribili pellicole! Qualche giorno fa era stato trasmesso in un canale satellitare…pakistano. Niente di strano? Si, niente di strano. I film di Bollywood trovano un vasto seguito anche dai nostri … Continua a leggere

Parlare di sostenibilità e cambiamenti climatici…in famiglia
1. Le parole sono importanti!

Parlare di sostenibilità e cambiamenti climatici…in famiglia

I miei genitori volevano comprarsi un nuovo maxischermo. Intendevano farci trovare la sorpresa apparecchiata sul mobiletto in salotto, nello spazio liberato dopo che il “vecchio” televisorone che vi giaceva a prendere la polvere è stato regalato a mio fratello, per arredare la sua nuova casa, provvista “soltanto” di un piccolo apparecchietto. Improvvisamente insoddisfatti del discreto … Continua a leggere

2. Memorando

Regaliamo un bignami di Storia dell’India al professò Sartori

Rieccomi qui a replicare all’ultimo capitolo del manifesto della razza secondo Sartori; non mi soffermerò in questo articolo a ribattere a tutte le sue perniciose asserzioni etnocentriche, dato che altri lo hanno fatto e lo stanno facendo proprio in questo istante. Vorrei però spendere qualche parola sulla storia dell’India, che mi tocca da vicino dato … Continua a leggere

L’identità degli altri
1. Le parole sono importanti!/I pensieri del cammello

L’identità degli altri

Parlare dell’identità degli altri è un’ossimoro. Cosa ne possiamo sapere dell’identità degli altri? Come possiamo definirla, circoscriverla, studiarla, difenderla, osteggiarla? Possiamo parlare soltanto della nostra identità. Ed io parlo della mia, replicando a Beatrice Lombardi che sul blog “Italians” del Corriere della Sera, parla di quella degli altri. Parla di noi Beatrice, dei figli degli … Continua a leggere