Appello dei marocchini residenti all’estero in solidarietà con i prigionieri politici marocchini e il Hirak. #FREEMOROCCANPRISONNERS
1. Le parole sono importanti!/Varie

Appello dei marocchini residenti all’estero in solidarietà con i prigionieri politici marocchini e il Hirak. #FREEMOROCCANPRISONNERS

La società odierna è intrappolata in una dinamica di crescenti sfruttamento e disuguaglianza, con l’incapacità della maggior parte delle organizzazioni politiche e civili a svolgere il loro ruolo nel garantire e difendere i diritti dei cittadini di godere dei diritti fondamentali, ossia: istruzione, salute, lavoro e alloggio. Attualmente il Marocco conosce diversi avvenimenti legati al … Continua a leggere

Varie

Tutta colpa dei vucumprà!

Originally posted on Divagazioni:
Una amica posta su Facebook una riflessione in cui confronta le affermazioni razziste di «una donna di mezza età che in perfetto dialetto veneto mi sputa addosso quanto le città italiane siano diventate invivibili a causa degli immigrati …» e la storia di un giovane “Vucumprà” da spiaggia, come vengono chiamati…

Questioni sull’immigrazione: aldilà dei problemi e delle opportunità
Varie

Questioni sull’immigrazione: aldilà dei problemi e delle opportunità

Originally posted on Divagazioni:
Questi giorni con gli eventi di Ventimiglia, Roma e Treviso, torna la questione immigrazione sulla prima pagina dei giornali. Torna la sindrome dell’assedio. Torna lo scontro tra “buoni” e “cattivi”. Molti, anche tra i buoni, cominciano a pensarla con la Merkel: “non possiamo portarli tutti qui da noi.” Altri hanno già…

Algeria, scontri sanguinosi a Ghardaia, 25 morti
Varie

Algeria, scontri sanguinosi a Ghardaia, 25 morti

Originally posted on Divagazioni:
La valle del Mzab paga di nuovo la fattura della decomposizione del regime algerino Questi ultimi giorni gli scontri intercomunitari nella città di Ghardaia, nel Centro-Sud dell’Algeria hanno raggiunto livelli altissimi di violenza, provocando decine di morti. Le tensioni tra Mosabiti (berberofoni, musulmani ibaditi) e i Scianba (beduini arabofoni, musulmani sunniti)…

1. Le parole sono importanti!

Io non mi dissocio da niente

In risposta all’articolo dell’amica Igiaba Scego su Internazionale. “Non in mio nome” Cara Igiaba, Capisco le tue paure. In questi giorni saremo messi sotto torchio e  le prossime campagne elettorali saranno fatte sulla nostra pelle. I xenofobi di tutta Europa vanno in brodo di giuggiole per la gioia e anche gli establishment europei che non … Continua a leggere

Mio nonno Ramdhane e l’intercultura
1. Le parole sono importanti!

Mio nonno Ramdhane e l’intercultura

Esattamente un anno fa pubblicavo su Lettera Internazionale (Numero 117 dicembre 2013 ) questo pezzo (http://www.undo.net/it/magazines/1387540773). Lo riprendo qui per i letteri di Alma-blog. Tre generazioni, una scuola Per migliaia di anni, il nostro piccolo paesino in Alta Cabilia aveva vissuto quasi tagliato fuori dal mondo fino a quella estate del 1871, quando l’esercito francese … Continua a leggere

11 dicembre 1960 insurrezione popolare in Algeria
2. Memorando

11 dicembre 1960 insurrezione popolare in Algeria

Ti ricordi del film di Gillo Pontecorvo, La Battaglia di Algeri? Verso la fine, dopo che i paracadutisti hanno sconfitto l’organizzazione cittadina del FLN, dopo la morte di Ali La pointe e i suoi compagni… dopo anni di terrore militare e poliziesco, ecco che una mattina i quartieri popolari (detti quartieri arabi all’epoca) cominciano a … Continua a leggere

20 anni prima della primavera araba, il 5 ottobre algerino
2. Memorando

20 anni prima della primavera araba, il 5 ottobre algerino

Il mattino del 5 ottobre 1988, Algeri per prima, poi tutta l’Algeria, si sveglia in stato di choc. La dittatura del partito unico, Fronte di Liberazione Nazionale (FLN), stava prendendo acqua da tutte le parti. Sommosse, saccheggi, ribellione generale. La repressione fu spietata: più di 500 morti e migliaia di feriti e di vittime della … Continua a leggere

Fermiamo il massacro della popolazione di Trebbiano Serio
1. Le parole sono importanti!

Fermiamo il massacro della popolazione di Trebbiano Serio

Una piccola località della Lombardia, Trebbiano Serio (BG), è sotto le bombe da giorni. Molte case sono state rase al suolo. La popolazione è allo stremo. Molti i morti e i feriti. Gli ospedali stracolmi. Le operazioni sono rappresaglie per l’uccisione di una bambina bergamasca. “La responsabilità è delle autorità di Trebbiano”, dice il governo … Continua a leggere

Intellettuali e qualunquisti
1. Le parole sono importanti!

Intellettuali e qualunquisti

Domenica è uscito in pagina 25 de La Stampa di Torino un breve editoriale, nella rubrichetta “Pane al pane”,  del noto giornalista e critico letterario Lorenzo Mondo, dal titolo “Immigrati e delinquenti”. Il pezzo in questione riprende un discorso vecchio come la questione migratoria: bisogna respingere perché “loro” sono troppi e “da noi” c’è poco … Continua a leggere

Les chapals d’oro del signor Paul Smith
4. Espressioni

Les chapals d’oro del signor Paul Smith

Molti anni fa, un artista prese una ruota di bici e disse: «Questa è un’opera d’arte. Perché anche l’oggetto più comune del mondo può diventare arte con la sola volontà dell’artista.» Io pensai che quel artista, che si chiamava Marcel Duchamp, fosse un po’ fuori di senno. Ma André Breton, un signore molto intelligente, disse che … Continua a leggere

Yennayer: di nuovo, buon anno a tutti.
2. Memorando

Yennayer: di nuovo, buon anno a tutti.

Domani 12 gennaio è il Yennayer, la festa di inizio dell’anno degli Amazigh, i berberi del Nord Africa. La festa di capo d’anno è per loro, come in molte culture, la principale festa dell’anno. Legata all’antichissimo calendario agrario berbero, questa festa fu riportata nel calendario “moderno” adottato durante il dominio romano: il Calendario giuliano. Soltanto … Continua a leggere

La lezione del vucumprà
1. Le parole sono importanti!

La lezione del vucumprà

Non mi piace riprendere i tormentoni stra-raccontati dalla stampa mainstream. E la storia di Rachid è stata per giorni un tormentone. L’hanno raccontata tutti, giornali, radio e tivu. Lo ha ricevuto e complimentato anche l’altra cenerentola preferita della stampa italiana: la ministra Kyenge. Ma questa, questa volta, la voglio proprio commentare. L’ultima azione di questo … Continua a leggere

Esercito corrotto contro islamo-fascismo, dov’é l’uscita?
1. Le parole sono importanti!

Esercito corrotto contro islamo-fascismo, dov’é l’uscita?

Sul mio blog personale ho pubblicato un MIO racconto sugli eventi che vent’anni  fa in Algeria avevano messo il paese più o meno nello stato in cui è l’Egitto oggi. Sottolineo la parola “mio”, perché ovviamente quella non è la Storia ma solo la mia (con le mie appartenenze generazionali, culturali, linguistiche, geografiche e ideologiche) … Continua a leggere