Avviso alle sponde: il ghiaccio
4. Espressioni

Avviso alle sponde: il ghiaccio

Di Pina Piccolo. A ottobre del 2013 l’avviso alle sponde di quella entità fantasmagorica, propaggine occidentale d’Asia, chiamata Europa arrivò con il fuoco. Per rendere visibile il vascello fantasma – ignorato dai pescherecci ché sarebbero potuti essere guai per chi soccorreva- qualcuno a bordo aveva pensato di dare fuoco a una coperta. Da lì il … Continua a leggere

E’ una chiglia fradicia di sogni
Vite infrante sulle muraglie della fortezza Europa

E’ una chiglia fradicia di sogni

Un contributo di Andrea Cavaliere E’ una chiglia fradicia di sogni a spezzare questo spaventoso muro scuro fra preghiere sputate al cielo sussurrate in vuote grida.   Un caronte Libico profana questo mare nostrum di nessuno calpestando onde pennellate di schiuma fra i margini trasparenti di un sentiero cobalto.   Sudori di accenti diversi si … Continua a leggere

Vite infrante sulle muraglie della fortezza Europa

6 maggio 2009, marchio d’infamia taciuta

Di Pina Piccolo Per il popolo italiano reo di connivenza con le criminali imprese capeggiate dal ministro Maroni nelle acque del Mediterraneo   Il vascello del ritorno Che sobrio Le colonne oltrepassa Di nostra voluta cecità Dimentichi della nostra semenza In ferocia scegliemmo esistenza Homo homini lupus E a seppellir vertute e conoscenza Il gelido … Continua a leggere

Lampedusa: da funerali di Stato a questione logistica
Malih di pancia/Vite infrante sulle muraglie della fortezza Europa

Lampedusa: da funerali di Stato a questione logistica

I naufraghi di Lampedusa, dopo le commosse promesse di funerali di stato, hanno via via perso lo status di di vittime da piangere. Da cadaveri ancora caldi andavano bene per dar sfoggio alle buone intenzioni, per disquisizioni sulla Bossi-Fini, per tardive ammissioni di colpa e recriminazioni all’Europa che non aiuta quanto dovrebbe. Ora che sono … Continua a leggere

Governo tombarolo
Vite infrante sulle muraglie della fortezza Europa

Governo tombarolo

­Di Pina Piccolo Cercavo un appellativo o una metafora che potesse calzare l’iniquo operato del governo delle larghe intese in tutto l’iter degli annegamenti al largo di Lampedusa dal 3 ottobre fino alla celebrazione farsa dei funerali di Stato in absentia dei corpi degli oltre 300 annegati da respingimento (ossia giovani per lo più provenienti … Continua a leggere

La migrazione clandestina nello specchio della letteratura, Laila Lalami e le sue “Speranze”
5. Letture d'altrove

La migrazione clandestina nello specchio della letteratura, Laila Lalami e le sue “Speranze”

Più della morbosità dell’occhio fotografico, dell’invasività indagatrice delle telecamere,  della freddezza dei numeri e delle statistiche, della rigidità delle legislazioni e del buonismo occasionale dei salotti televisivi, più e prima di tutto ciò a raccontare il dramma dell’immigrazione clandestina c’è la letteratura. Ad avvertire l’emorragia dei migranti, il trasformarsi del Mediterraneo  in un cimitero di … Continua a leggere

Operazione Mare Nostrum: il danno collaterale
Vite infrante sulle muraglie della fortezza Europa

Operazione Mare Nostrum: il danno collaterale

Leggendo delle numerose “fregate” che l’operazione Mare Nostrum impiegherà per pattugliare meglio il canale di Sicilia mi è venuto spontaneo associare fregate a fregature. Non so se sarà o meno una fregatura, ma l’idea di qualcosa di sopra le righe, di trombonesco e in definitiva di sola mi è rimasta. Quest’armata brancaleone, infatti, che perlustra … Continua a leggere

La speranza muore al largo di Lampedusa
Vite infrante sulle muraglie della fortezza Europa

La speranza muore al largo di Lampedusa

di Nina Sadeghi Il mare sputa Speranze morte Cadaveri disprezzati Sulle rocce Fredde di una terra Che io non riconosco La luna forse Può testimoniare Il pianto del bambino In balia delle onde Del suo destino? Nel cielo le stelle sono morte E l’abbraccio caldo Della madre Ha cantato L’ultima canzone Ora La regola di … Continua a leggere

Profughi
4. Espressioni

Profughi

In sella ai nostri anni migliori sfidiamo il mare solcando rotte di mille altri destini alla deriva l’approdo è un azzardo alle porte di Lampedusa altre storie verranno a galla impigliate nelle reti dei pescatori l’enfasi lasciamola ad altri esodi noi siamo solo profughi protagonisti della cronaca e clandestini alla storia. Continua a leggere