1. Le parole sono importanti!

Sanatoria 2012: tra speranze e truffe

Un contributo per la Stanza degli Ospiti di Louis Benjamin Ndong

La sanatoria 2012 ha preso il via già da qualche giorno e proseguirà fino alla mezzanotte del 15 ottobre. Rappresenta un’opportunità per i datori di lavoro di far emergere i propri dipendenti stranieri da una realtà di illegalità, nel contempo offrirà ad alcuni immigrati la possibilità di uscire dalla loro situazione di presenza irregolare in questo paese. Un primo passo indispensabile prima di presentare la domanda è il versamento, sempre da parte del datore di lavoro, del contributo forfetario di mille euro per ogni lavoratore che vuole mettere in regola. Inoltre al momento della sottoscrizione del contratto di soggiorno bisognerà aver versato tutte le somme dovute a titolo retributivo, contributivo e fiscale, per un periodo non inferiore a sei mesi.

Se da un lato questa regolarizzazione darà la possibilità a molte persone di uscire dalla propria condizione di invisibilità, conseguendo un riconoscimento anche da parte della società istituzionalizzata che finora l’aveva negato, dall’altro costituirà un nuovo ed ennesimo limbo per i tanti immigrati che, privi degli adeguati strumenti, quale un reale contratto di lavoro, si affideranno nelle mani di truffatori e venditori di bugie dell’ultima ora. Purtroppo la legge in questione, concepita in primo luogo per fare cassa, non possiede i vincoli necessari per arginare questo rischio e il timore è che si verifichino situazioni analoghe al 2009 e altrettanto drammatiche: una delle falle più evidenti del sistema era stata quella del mancato controllo nei confronti di quei datori di lavoro che avevano presentato non una ma molteplici domande e che, una volta intascato il versamento, non si erano mai presentati in questura vanificando le pratiche. Il sistema avrebbe già all’epoca dovuto verificare con rigore la situazione di chi presentava un numero incoerente di domande, considerandolo subito un campanello d’allarme. Tuttavia ciò non avvenne e quello che risulta veramente preoccupante e quasi doloso da parte delle istituzioni è che, nonostante l’esperienza del passato, a tutt’oggi il sistema non sia stato per niente modificato.

Ad aggravare la situazione contribuisce in modo determinante la bassa scolarizzazione di una fetta non trascurabile della comunità straniera in Italia, che diventa, così, facile preda dei truffatori. Alcune storie personali, che trascendono le fredde statistiche, rivelandosi al contempo emblematiche, gettano una luce veramente sinistra sulla situazione. Un esponente di uno dei sindacati confederali riferisce il caso di un ragazzo bengalese che, dopo aver subito una truffa nel 2009, si è informato presso lo sportello del sindacato sulla possibilità di presentare nuovamente la domanda con lo stesso pseudo-datore di lavoro da cui aveva subito la truffa. No comment.

Non è questa la sede per contestare alla radice l’equazione lavoro – permesso di soggiorno e i principi di stampo meramente utilitaristico che sono alla base di queste politiche, tuttavia è importante sottolineare quanto un limite temporale così stringato, quale quello della sanatoria in corso, rappresenti una spinta forte verso una soluzione disperata e fallimentare, per tutti coloro che al momento non hanno un contratto di lavoro.

Nell’attesa di politiche sull’immigrazione illuminate e umane, è fondamentale che le istituzioni vigilino sull’operato degli impostori che si spacciano per datori di lavoro, con interventi di prevenzione rigorosi, promettendo allo stesso tempo pene severissime per tutti coloro che riuscissero comunque nei loro intenti malevoli.

Altrettanto essenziale a questo scopo è il lavoro di informazione e sensibilizzazione da parte di tutte le organizzazioni che lavorano nell’ambito dell’immigrazione e di tutte le associazioni afferenti alle comunità di provenienza, senza il quale le vittime delle truffe potrebbero solo aumentare.

About these ads

5 thoughts on “Sanatoria 2012: tra speranze e truffe

  1. “[...]Il sistema avrebbe già all’epoca dovuto verificare con rigore la situazione di chi presentava un numero incoerente di domande, considerandolo subito un campanello d’allarme. Tuttavia ciò non avvenne e quello che risulta veramente preoccupante e quasi doloso da parte delle istituzioni è che, nonostante l’esperienza del passato, a tutt’oggi il sistema non sia stato per niente modificato.[...]”

    E’ chiaramente doloso tutto ciò.

  2. Forse può essere utile questo link

    http://www.meltingpot.org/articolo17994.html

    ” Sanatoria 2012 – La guida pratica di Melting Pot

    Le istruzioni, i consigli utili, la documentazione

    La guida con le istruzioni ed i consigli utli per la sanatoria 2012 di Melting Pot Europa verrà aggiornata continuamente in occasione dell’uscita delle circolari esplicative attese

    Quando inviare la domanda
    Come inviare la domanda
    Il datore di lavoro, i casi di esclusione ed il reddito
    Il lavoratore, i casi di esclusione e la prova della presenza
    Il rapporto di lavoro
    Il contributo forfettario
    La sospensione dei procedimenti penali ed amministrativi
    Regolarizzare la retribuzione, i contributi e gli oneri fiscali
    L’alloggio
    La convocazione presso lo Sportello Unico
    Il Forum di Melting Pot Europa
    Tutti i documenti utili
    I costi minimi per la regolarizzazione
    Le Faq del Ministero dell’Interno
    Decreto interministeriale del 29 agosto 2012
    Decreto legislativo n. 109 del 16 luglio 2012
    Circolare INPS n. 113 del 14 settembre 2012
    Circolare del Ministero dell’Interno n. 7809 del 12 settembre 2012
    Circolare del Ministero dell’Interno n. 5638 del 7 settembre 2012
    Circolare del Ministero dell’interno n. 6410 del 27 luglio 2012
    Circolare del Ministero dell’Interno n. 5090 del 31 luglio 2012
    Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 85/E del 31 agosto 2012
    Le istruzioni per il versamento con F24
    La cancellazione delle segnalazioni Schengen
    La procedura telematica in sintesi [...]

    Progetto Melting Pot Europa
    Uff. Stampa 049 9816789
    Fax 049 664589

  3. ” [...] Le leggi italiane sull’immigrazione sono sempre più convinto che sono scritte direttamente dalle mafie e controfirmate da governi corrotti nell’anima e nell’agire politico. Altro non mi viene da dire.” ( g.r. dopo aver letto la tua lettera )

  4. Pingback: Hurdles in Making Italy’s Illegal Workers ‘Legal’ · Global Voices

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...