2. Memorando

Ucraina: caduta dei Titani

“Stavo a casa di mia madre che abitava allora in una piccola cittadina ucraina dove l’unico passatempo estivo si limitava al passeggiare su un viale lunghissimo avanti e indietro incontrando per l’ennesima volta le stesse persone.
Abitavo a cento metri da questa passerella umana e ogni sera avvicinandomi al vialone mi fermavo con il solito dubbio: dove vado? A destra o a sinistra? Se vado a destra, devo passare tutta la piazza con il porfido davanti alla statua di Lenin che punta il suo braccio alzato nella direzione opposta, nella direzione effimera che ti porta da nessuna parte…pensavo… poi devo entrare nel posto più bello della mia città, un parco enorme, passando il quale finivo dritto sull’argine del nostro magnifico fiume Dnepr. Arrivando li, ci si trovava a un altro bivio. “…

Dal mio racconto “Piccolo genio”, 1994

Siamo veramente al bivio. Ora è difficile pensare a quei giorni del 1980, quando quella figura di Lenin faceva parte della tua famiglia. L’Ucraina del 21 febbraio volta la pagina e il mio ricordo di quel paese muore per sempre.

Annunci

7 thoughts on “Ucraina: caduta dei Titani

  1. vorrei rispondere a Valeria ringraziandola per il suo commento. Questi giorni si può leggere molto sull’Ucraina. Infatti, non vivendo più da quelle parti, ho preferito astenermi dai giudizi e in qualche parte sono condivisi da una fetta cospicua degli ucraini. Ho soltanto sottolineato il fatto impossibile tempo fa e ora accaduto è di rabbia popolare in tutti città compreso quelli, chiamati russofoli, nel distruggere tutti simboli del comunismo del passato. Niente di più…

  2. Purtroppo è proprio chi non vi abita che fa dell’Ucraina, come di tante altre parti del mondo, ciò che vuole illudendo chiunque che dell’esatto contrario.

    Forse questo video esprime bene di cosa sto parlando:

    Help Obama Kickstart World War III!

  3. Non farci caso, Natalia, questa persona commenta ogni cosa che riguarda Ucraina nella stessa maniera, senza leggere davvero il senso delle nostre parole e diffondendo le notizie di certo tipo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...